IT/EN

LILIANA CECCHIN

………..”E’ proprio lei, la metropoli, al centro della poetica di Liliana Cecchin. La racconta in scorci che hanno il sapore di scatti fotografici immediati, registrati nell’urgenza di fermare l’istante. I luoghi che elegge a soggetto - quando sono riconoscibili - sono stazioni della metropolitana, marciapiedi affollati. I momenti, intuitivamente, le ore di punta. La fretta si legge nelle posture dei corpi, nei visi affondati nelle sciarpe, nella totale mancanza di sguardi che si incontrano, di qualsiasi forma di dialogo. E la pennellata pastosa, la costruzione dei volumi per zone di luce e ombra, con i visi ridotti ad una semplice macchia rosa, al massimo sporcata da un graffio marrone per dare l’idea di una barba, rafforzano quella sensazione di anonimità.

Una sensazione portata all’estremo nelle tele in cui Liliana decide di abbassare repentinamente l’inquadratura, riducendola alle gambe e ai piedi. Lì la distanza tra i personaggi e lo spettatore aumenta ulteriormente, la piccola folla è relegata al fondo dello spazio del quadro, non ci sono più i visi - ancorché macchie - a darci l’illusione di poter azzardare un riconoscimento. In queste tele talvolta Liliana arriva a ridurre la tavolozza a una monocromia sui toni dell’azzurro o del marrone, allora la stessa interpretazione della scena è messa in forse, lo sguardo si ferma spaesato alla ricerca di punti di riferimento nella scansione di volumi e di spazi, e quando arriva a leggere il significato coglie all’istante, come una rivelazione, il sentimento che Liliana riassume negli ultimi due versi di una sua poesia di qualche anno fa: “Sempre più soli tra la gente, percorriamo la vita/che scorre sotto ai nostri piedi”".

Alessandra Redaelli

Le opere

web made in italy jcomitalia web comunicazione marketing registrazione domini pec e-commerce bari

© 2014, ORIZZONTI ARTE - P.I.: 07283650724 - Cod. Fisc. DMN MRA 68R61 A662S

jcomitalia web comunicazione marketing registrazione domini pec e-commerce bari